Sogni e desideri non hanno età: la Silver Economy

silver economy
Condividi su

Si sa, noi italiani siamo longevi e siamo orgogliosi di esserlo. Viviamo in media due anni in più dei nostri concittadini europei, ma la percezione di benessere da parte dei nostri anziani ci colloca solo 14esimi in Europa e 37esimi nel mondo. In Italia, in effetti, viviamo ancora di una forte solidarietà famigliare ma sono sempre di più gli anziani che vivono da soli o senza famigliari vicini.  Siamo inoltre uno dei Paesi con politiche per l’invecchiamento attivo più carenti.

Nonostante questo è importante osservare che le persone tra i 65 e 74 anni non si sentono anziane e, anche se le donne di questa fascia di età si sentono mediamente più vecchie dei loro coetanei maschi, in ogni caso si ritengono meno vecchi di quanto li ritengano gli altri. Con l’età impariamo a vedere il bicchiere mezzo pieno.

In effetti i 65 anni sono ormai una soglia solo statistica. Diventare nonna o nonno è ormai un evento sganciato dall’idea di invecchiamento che è invece più legata a esperienze di perdita: la perdita di abilità fisiche, la perdita di relazioni, l’assenza di progetti.

I nuovi anziani sono sostanzialmente ottimisti ma consapevoli che il loro benessere può essere migliorato. In effetti ci troviamo di fronte a due sfide distinte: la longevità come primato da mantenere e l’invecchiare bene come dimensione da migliorare.

Leggi l’articolo completo di Care Magazine, scarica qui il pdf.

Hai trovato interessante questo articolo?

Iscriviti alla Newsletter per non perdere i prossimi

Iscriviti alla Newsletter

Prendi visione della nostra privacy policy.


Condividi su

Informazioni sull'autore

Scritto da 5 Settembre 2019 Categoria Servizi alla persona digitali
Nonostante sia perennemente distratto da una forma congenita di curiosità permanente, ho avuto la fortuna di poter mettere il mio talento informatico al servizio dei servizi alla persona. Da trent’anni mi occupo di innovazione in questo settore dove le potenzialità del digitale crescono senza sosta.
Paolo Galfione

About Paolo Galfione

Nonostante sia perennemente distratto da una forma congenita di curiosità permanente, ho avuto la fortuna di poter mettere il mio talento informatico al servizio dei servizi alla persona. Da trent’anni mi occupo di innovazione in questo settore dove le potenzialità del digitale crescono senza sosta.