Skip to main content

Intelligenza artificiale e salute: i trend

di Valentina Marcon
Aggiornato al 22 Dicembre 2020
Aggiornato al Marzo 25th, 2021

C’è vero progresso solo quando i vantaggi di una nuova tecnologia diventano per tutti”, così diceva Henry Ford, il fondatore della Ford Motor Company.
Ciò è vero in particolare in ambito medico dove la tecnologia e la ricerca sono un fattore chiave, un trend accelerato dall’emergenza sanitaria Covid-19.
Tra le tecnologie più innovative che stanno prendendo piede in ambito sanitario c’è l’intelligenza artificiale con le sue applicazioni. Vediamo insieme quali sono alcune tendenze per il prossimo futuro.

PREVENZIONE DELL’INSORGENZA DELLE MALATTIE NELL’INDIVIDUO

Esistono numerose applicazioni sperimentali dell’intelligenza artificiale in medicina in ambito di prevenzione e del monitoraggio delle malattie. Per quanto riguarda l’Alzheimer ad esempio, diversi studi hanno utilizzato l’intelligenza artificiale per analizzare le correlazioni tra il sistema metabolico e l’incidenza della malattia, studiando il funzionamento di determinate proteine nel cervello oppure i livelli di glucosio (1)(2). Questi studi hanno messo in evidenza come sia possibile prevedere e anticipare l’insorgenza della malattia anche di diversi anni.

L’ASSISTENZA ALLA PERSONA

L’applicazione dell’intelligenza artificiale ai servizi di assistenza alla persona è oggetto di applicazioni sperimentali nei progetti europei. Ne citiamo uno: il progetto Value Care (3) nato nell’ambito del programma Horizon 2020, che ha lo scopo di sviluppare servizi innovativi di assistenza integrata a persone anziane fragili applicando i concetti derivanti dal modello Value Based Health Care ideato dal Prof. M.E.Porter nel 2008. In Italia il progetto sta trovando applicazione a Treviso presso ISRAA, dove si sta lavorando allo sviluppo di un Virtual Coach Chatbot, ovvero un software di intelligenza artificiale in grado di creare conversazioni con l’essere umano. Un vero e proprio allenatore virtuale che raccoglie i dati sulla salute del paziente e sul suo comportamento attraverso sensori ambientali, che stimola ed incoraggia la persona nel raggiungimento di determinati obiettivi e nel mantenimento di un adeguato stile di vita (dieta, esercizio fisico etc). Progetti come questo sono al momento sperimentali, ma hanno grandi potenzialità visti i benefici facilmente comprensibili di queste applicazioni.

ANALISI DEI MACRO-TREND NELLA SOCIETÀ

Un altro ambito in cui l’intelligenza artificiale sarà impiegata è l’elaborazione di macro-trend sull’andamento della salute dei cittadini attraverso l’analisi di dati.
Sul tema è ritornato più volte Google che ha fatto notizia negli ultimi mesi con Google Health Studies (4), un progetto di ricerca che attraverso un’applicazione per mobile raccoglie dati sull’andamento della salute dei partecipanti. La prima indagine riguarderà le malattie respiratorie, in particolare influenza e Covid-19 (3). L’obiettivo dichiarato da Google è analizzare l’incidenza dei fattori biologici e comportamentali che incidono nell’evoluzione della malattia, come età e mobilità nel territorio.

OTTIMIZZAZIONE ORGANIZZATIVA E LOGISTICA DEGLI OSPEDALI

A livello organizzativo i software che utilizzano algoritmi predittivi possono essere dei validi alleati per la gestione delle organizzazioni sanitarie, ad esempio per formulare previsioni sull’andamento dell’afflusso dei pazienti alle strutture sanitarie e programmare adeguate risorse. È quanto prevede Zlife la piattaforma per la telemedicina e il telemonitoraggio concepita da Softwareuno insieme al gruppo Zucchetti. Attraverso un’app per il paziente, i dati sulla salute vengono tramessi ad una centrale operativa che li elabora. Un algoritmo elabora previsioni sulle probabilità di peggioramento delle condizioni degli assistiti, fornendo al management informazioni per adeguare la gestione dei turni del personale, l’approvvigionamento farmaci e la gestione dei reparti.

PER CONCLUDERE

In questo articolo abbiamo visto numerose applicazioni e studi sperimentali che applicano con successo l’intelligenza artificiale in sanità e sul fronte della salute al cittadino. L’arrivo della pandemia Covid-19 ha sconvolto il mondo, ma sta anche creando il giusto mindset nella popolazione: oggi tutti siamo consapevoli che il decision maker può agire più consapevolmente se aiutato da strumenti di analisi e previsione.

Fonti
(1) https://medicalxpress.com/news/2018-11-artificial-intelligence-alzheimer-years-diagnosis.html
(2) https://stm.sciencemag.org/content/12/524/eaau5732
(3) https://projectvaluecare.eu/
(4) https://agoodmagazine.it/green-tech/google-health-studies/  https://health.google/

 

Hai trovato interessante questo articolo?

Iscriviti alla Newsletter per non perdere i prossimi

Iscriviti alla Newsletter

Prendi visione della nostra privacy policy.

Condividi su
Valentina Marcon

About Valentina Marcon

Esperta di comunicazione e formatrice, la mia vita lavorativa è stata un viaggio attraverso l’ingegneria, la finanza e l’informatica. Sono appassionata di crescita personale e di organizzazione del lavoro per il raggiungimento degli obbiettivi e il miglioramento delle performance.